L’aggiornamento del GDPR è al centro delle attenzioni degli addetti ai lavori. Sei pronto al cambiamento?

Il nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati definisce cosa sono i dati personali e i soggetti coinvolti. Detta, inoltre, le linee guida necessarie a prevenire gli abusi e migliorare la sicurezza di tali dati. Il GDPR è entrato in vigore il 25 maggio 2018.

Chi gestisce  dati personali ha delle responsabilità nei confronti degli utenti nel momento in vengono raccolti, archiviati e trattati i dati personali forniti in fase di registrazione.

Imprese ed enti pubblici sono impreparati ad accogliere le novità del maggio 2018 con il nuovo regolamento sulla protezione dei dati personali.

Cosa sapere? Il GDPR ridisegna il concetto di privacy introducendo norme specifiche su modalità di trattamento dei dati, diritti dei soggetti interessati, chi è responsabile dei dati, modalità di comunicazione di eventuali violazioni subite, sanzioni per l’infrazione del regolamento.

Per essere conformi al GDPR le aziende devono prepararsi in anticipo, rivendo le proprie policy e, se necessario, adeguandole alle richieste del regolamento.

Notifica delle violazioni

Le aziende hanno l’obbligo di notificare alle autorità competenti e ai soggetti interessati le violazioni di dati che possono mettere a rischio “i diritti e le libertà degli individui”. La notifica deve avvenire entro 72 ore dalla presa d’atto della violazione.

Il diritto di accesso ai dati

Le aziende devono garantire agli utenti il diritto di sapere se i loro dati vengono elaborati, dove e a quale scopo. Inoltre, se richiesti, devono fornire i dati personali al soggetto interessato, in modo gratuito e in formato elettronico.

l’Avvocato Europeo Teodoro CALVO della UPTM ( Università Popolare Tommaso Moro

ha indetto un Corso di Alta Formazione per la gestione e sicurezza sul trattamento dei dati sensibili.

Il Corso è GRATUITO per tutti gli associati della UPTM, alla fine del Programma verrà rilasciato un Attestato di partecipazione esperto qualificato sul trattamento dei dati sensibili.

Come applicare al meglio il Regolamento Generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell’UE Subito in azione.

Le conseguenze di un caso di violazione possono essere molto gravi. Le sanzioni, ai sensi del GDPR, possono raggiungere i 20 milioni di EURO o il 4% del fatturato annuo globale dell’azienda, a seconda di quale sia più elevato.

La UPTM aiuta le piccole e medie imprese a prepararsi per il GDPR, riducendo al minimo il rischio di sanzioni, grazie a una procedura a tre fasi:

1) Bloccare le principali cause di perdita dei dati

2) Bloccare le minacce alla soglia del perimetro di rete

3) Impedire gli errori umani

Il Corso è aperto a tutti, professionisti e non, chi volesse ricevere ulteriori informazioni potete farlo scrivendo una email all’indirizzo: universita.uptm@gmail.com